menu
Opera San Francesco per i Poveri
Opera San Francesco per i Poveri
Home / Comunicazione / News / Testimonianza di Stefano Arcisto, responsabile del Centro
di raccolta di OSF

Settembre 2010

TESTIMONIANZA DI STEFANO ARCISTO, RESPONSABILE DEL CENTRO
DI RACCOLTA DI OSF

Il Centro raccolta svolge una funzione nevralgica per Opera San Francesco: è grazie ad esso che vengono raccolti, selezionati e distribuiti gli indumenti e i medicinali donati dai benefattori, indispensabili per il funzionamento degli altri servizi OSF.

Proprio per migliorare il servizio, lo scorso 16 novembre il Centro di raccolta si è trasferito in Via Vallazze 113, con nuovi spazi opportunamente studiati che permettono di poter accogliere i benefattori che portano le donazioni mostrando loro direttamente il lavoro dei volontari. Stefano Arcisto, responsabile del Centro, racconta la sua esperienza.

Parlare del nuovo Centro, nonché dei 96 volontari che con dedizione prestano la loro opera, è per me entusiasmante. La nuova sede è di per sé segno di accoglienza: ampia, luminosa e ben strutturata non può che piacevolmente stupire il benefattore che sicuramente si sente coinvolto in prima persona.

I volontari hanno la possibilità di interagire con i benefattori dando il maggior numero di informazioni per rendere molto trasparente la realtà di OSF. Da gennaio ad agosto 2010 sono stati stoccati 102.600 capi di vestiario, di cui circa 62.000 sono stati distribuiti dal servizio guardaroba, soprattutto giubbotti, maglioni, camice, pantaloni e scarpe. Il clima che si respira nel Centro è un clima di serenità e condivisione e direi quasi "corroborante e terapeutico". Qui veramente si ha la sensazione di rigenerarsi e di sperimentare veramente che quando si crede di dare è il momento in cui invece si riceve.

Personalmente, dopo tanti anni di lavoro in un'azienda metalmeccanica, sono intimamente soddisfatto del ruolo che ricopro da poco meno di un anno. Mi sento coinvolto nel profondo tanto che oserei dire "non lavoro per OSF, ma vivo OSF".

 

Notizia presente
nella newsletter
Settembre 2010