menu
Opera San Francesco per i Poveri
Opera San Francesco per i Poveri
Home / Comunicazione / News / Scopri il bene! Giornata "porte aperte" dei beni confiscati alle mafie e assegnati al riutilizzo sociale

Novembre 2011

SCOPRI IL BENE! GIORNATA "PORTE APERTE" DEI BENI CONFISCATI ALLE MAFIE E ASSEGNATI AL RIUTILIZZO SOCIALE

Sono molti gli immobili che a Milano e in 179 Comuni della Lombardia, sono stati confiscati alle organizzazioni criminali e destinati a progetti sociali, grazie alla legge 109 del 1996, all'intervento del Comune di Milano e alla collaborazione con l'Associazione LIBERA - Associazioni, nomi e numeri contro le mafie.

Gli appartamenti, i negozi, le aziende, i terreni che una volta ospitavano attività criminose, accolgono ora associazioni che si occupano di poveri, di emarginati, di anziani, di sanità, di minori, cercando di offrire sostegno e risposte concrete agli innumerevoli bisogni sociali.

Tra le associazioni che sono entrate a fare parte di questo progetto c'è anche Opera San Francesco per i Poveri, che offre gratuitamente il proprio aiuto ai poveri e agli emarginati, assicurando: vitto, indumenti, docce, cure mediche, servizi di ascolto e orientamento relativi a problemi di reinserimento sociale tra cui quello di housing sociale.

L'appartamento di via Oxilia, 13 a Milano, ricevuto in seguito all'esproprio fatto alla mafia, è andato a fare parte dei 14 alloggi che il Servizio di Housing Sociale di OSF concede in uso totalmente gratuito a persone in condizioni di grave disagio, sulla base di specifici progetti di autonomia.

Sabato 5 novembre 2011, nell'ambito dell'iniziativa "SCOPRI IL BENE!", LIBERA ha organizzato una giornata "Porte Aperte" presso i beni confiscati nei comuni di Milano, Corsico, Garbagnate Milanese, Paderno Dugnano e Sesto San Giovanni che saranno aperti al pubblico per tutta la giornata.

Anche Opera San Francesco ha aperto le porte dell'appartamento di via Oxilia e ha invitato la cittadinanza ad una visita carica di significato là dove 'il bene' è protagonista. Si è potuto toccare con mano che 'il bene' può davvero cambiare la vita a chi lo riceve e a chi lo fa, e che la difesa della legalità, della giustizia e dei diritti possono portarci verso una società migliore e più equa.