menu
Opera San Francesco per i Poveri
Opera San Francesco per i Poveri
Home / Comunicazione / News / Resoconto delle attività di OSF relativo al 2011

Febbraio 2012

RESOCONTO DELLE ATTIVITÀ DI OSF RELATIVO AL 2011

La pubblicazione del resoconto di un anno di attività ha l'obbiettivo di dare visibilità ai risultati raggiunti nell'anno passato ed è l'occasione per rinnovare l'impegno dell'associazione e ringraziare tutti coloro che rendono possibile la missione di OSF.

Nel 2011 i servizi di OSF hanno funzionato a pieno ritmo: attenzione alla persona, gratuità dei servizi, sviluppo, innovazione e professionalità sono i valori guida che continuano a sostenere l'impegno dell'associazione.

OSF non si accontenta dei risultati raggiunti, desidera migliorare l'accoglienza e la qualità dell'aiuto offerto ai poveri, continuando a mettere sempre al centro la singola persona nella sua unicità, nella sua dignità, nella sua storia e nei suoi bisogni.

La cucina della mensa si è fermata per circa un mese per consentire importanti lavori di ristrutturazione anche se, grazie alla distribuzione di sacchetti contenenti generi alimentari, i nostri utenti non sono rimasti senza pranzo e cena. La media giornaliera dei pasti distribuiti è di 2.269 per un totale di 712.387 nell'arco dell'anno, con un incremento del 2,8% rispetto al 2010.

Il servizio docce e guardaroba è stato potenziato e dal mese di giugno OSF garantisce ai nostri utenti una doccia settimanale. La novità dell'anno è l'apertura del servizio anche alle donne. Le docce sono complessivamente 26.453 ai quali si aggiungono i 15.393 pediluvi e 13.260 barbe. Il servizio accoglie e aiuta in particolare i senza dimora e consente loro di mantenere un livello minimo di igiene personale.

Al guardaroba la media giornaliera è stata di 51 prestazioni per un totale di 10.251 annue. Scarpe, sacchi a pelo, coperte, vestiti sono stati offerti grazie alla generosità di tanti benefattori e al lavoro paziente di 120 volontari che nel centro di raccolta di via Vallazze selezionano, puliscono, sistemano le decine di migliaia di capi di vestiario.

La nuova struttura dell'ambulatorio di via Antonello da Messina offre attraverso l'impegno di volontari e operatori visite mediche, dentistiche, ginecologiche, cardiologiche, esami ecografici ed ematologici, consulenza di psicologi e psichiatri, visite e assistenza per la prevenzione e la cura di malattie, distribuzione gratuita di farmaci.

Le visite effettuate nel corso dell'anno sono state in totale 32.934 con un media giornaliera di 138 visite mediche.

Tutto questo è stato possibile grazie alla collaborazione dei volontari: 165 medici, 6 infermieri, 35 impegnati in farmacia e 24 in accettazione.

L'attività dell'ambulatorio è stata efficacemente supportata da quella del servizio farmacia; grazie al contributo del Banco Farmaceutico e di numerose aziende, sono state erogate 52.000 confezioni, segnando un +5,8% rispetto al 2010.

In questo difficile momento di crisi economica i poveri si rivolgono all'Area sociale in cerca di lavoro e di una casa, beni fondamentali per uscire dal tunnel dell'emarginazione.

Lo Sportello lavoro ha incontrato gli utenti in cerca di lavoro e, in collaborazione con Idea Agenzia per il Lavoro, sono stati esaminati quasi 2.500 curricula avviando 12 contratti di lavoro. Piccoli risultati, ma grandi traguardi per chi è riuscito a trovare un'occupazione.

Grazie all'impegno dell'assistente sociale è stato possibile dare continuità all'accoglienza abitativa negli alloggi a disposizione di OSF. Nel 2011 sono state ospitate 45 persone (di cui 18 donne, 7 uomini e 20 minori).

I volontari dell'accoglienza hanno tesserato 8.786 nuovi utenti, mentre 25.910 sono stati i rinnovi tessera. L'incremento dei nuovi utenti è stato significativo rispetto al 2010, segnando + 20,43%.

L'aumento è giustificato dall'alto numero di arrivi di nord africani, dai paesi del Corno d'Africa e della zona sub sahariana. Tra i nuovi arrivi non mancano certamente i nostri connazionali (sono l'8,55% delle nuove tessere) in particolare anziani e padri separati.

Il 2011 è stato anche l'Anno europeo del volontariato. Non possiamo che esprimere gratitudine e riconoscenza ai 654 volontari che con la loro presenza e la loro professionalità rendono possibile il "miracolo della carità" in OSF, grazie alla donazione di decine di migliaia di ore di volontariato.

Il nostro grazie va anche a quelle aziende che hanno promosso e favorito i progetti di "volontariato aziendale". È una strada che permette di avvicinare il mondo aziendale a realtà di non profit con lo scopo di lavorare insieme per il bene comune e per la crescita della nostra società.

 

Notizia presente
nella newsletter
Febbraio 2012