menu
Opera San Francesco per i Poveri
Opera San Francesco per i Poveri
Home / Comunicazione / News / Un amico, un tesoro

Febbraio 2014

UN AMICO, UN TESORO

Opera San Francesco presenta i suoi amici. Cioè chi condivide gli stessi obiettivi, gli stessi desideri, e per realizzarli mette a disposizione il proprio impegno. Un nostro amico si chiama Grundfos, ed è un’azienda leader per prodotti e servizi di alta qualità per il trattamento delle acque, da tempo impegnata nella solidarietà sociale; recentemente è citata anche da Good News Agency - l’agenzia delle buone notizie da tutto il mondo del volontariato, delle Nazioni Unite, delle organizzazioni non-governative e delle istituzioni impegnate nel miglioramento della qualità della vita - per essere con Water Missions International nell’arginare la diffusione di malattie a causa dell’acqua contaminata. Quest’anno Grundfos ha deciso di festeggiare il 25° compleanno in modo un po’ speciale facendoci un gran regalo: dopo aver verificato lo stato delle nostre pompe della centrale termica, le ha sostituite gratuitamente; il risultato è un risparmio evidente sui nostri costi di riscaldamento e condizionamento. Un amico capisce il bisogno, e interviene con grande generosità; e quello di Grundfos è un esempio, speriamo possa “contagiare” altre aziende stimolandole a tutte le forme di sostegno possibili, dai mezzi ai servizi, dalla merce al preziosissimo tempo, come accade col volontariato aziendale.

Poi c’è un altro nostro grande e fedele amico, Banca Leonardo, una banca d'affari privata e indipendente che offre servizi di consulenza per investimenti e gestione del risparmio, e che ormai da diversi anni ci è vicina con donazioni importanti per il poliambulatorio. Perché è così importante questa amicizia? Perché povertà e cattiva salute sono in aumento e i numeri del poliambulatorio di OSF sono in questo senso drammaticamente espliciti: con una media giornaliera di 167 visite, in un anno sono state erogate 40.104 prestazioni tra medicina di base, visite specialistiche, farmaci, con una spesa complessiva che nel 2013 ha superato il milione e mezzo di euro, cioè il 26,63% del bilancio annuale di OSF. Per far fronte a questa domanda servono volontari - e sono 169 i medici che nel 2013 hanno donato la loro generosa disponibilità e capacità professionale - ma servono anche garze, bende, cerotti, disinfettanti, kit di medicazione, materiale di consumo, piccoli strumenti per fornire assistenza medica gratuita alle migliaia di persone che non sono tutelate dal Servizio Sanitario Nazionale, e si trovano senza mezzi ad affrontare la malattia.

La richiesta aumenta e gli sforzi, uniti, riescono a farvi fronte: grazie agli amici Grundfos e Banca Leonardo, che hanno rinnovato il loro impegno, grazie a tutti i nuovi amici che vorranno seguire questi esempi per essere, insieme a Opera San Francesco, accanto agli ultimi.

Condividi su: Condividi con Facebook Condividi con Twitter

 

Notizia presente
nella newsletter
Febbraio 2014