menu
Opera San Francesco per i Poveri
Opera San Francesco per i Poveri
Home / Comunicazione / News / Pane e gratitudine in piazza con OSF

Maggio 2016

PANE E GRATITUDINE IN PIAZZA CON OSF

Come sempre un’esperienza ricca di significati, quella de Il Pane di OSF, che quest’anno si accompagna anche a un risultato di raccolta davvero ottimo (+36% rispetto allo scorso anno). Grazie di cuore alla generosità e all’impegno dei volontari che hanno reso possibile questa maratona di solidarietà nel week end del 21 e 22 maggio. Le parole di chi c’era sono molto più efficaci di qualsiasi altra descrizione!

“Il pane è come l’uomo - racconta Laura - diverse forme, diversi colori, diversi sapori; una varietà che diventa ricchezza perché ognuno può scegliere ciò che più si avvicina al suo gusto, alla sua cultura, alle sue tradizioni. Se Il Pane di OSF è una manifestazione nata per raccogliere fondi, certamente si è trasformata in un fantastico momento di aggregazione e condivisione. Domenica 22 maggio mi sono trovata a vivere un’esperienza straordinaria insieme a Cleto, Daniela, Gloria, Stefano e i fratelli francescani sul sagrato del Convento dei Cappuccini a Bergamo e assaporare il piacere di un’energia positiva, fattiva, efficace, il motore operoso che spinge il volontario di OSF a impegnarsi per ottenere diritto al cibo e alla cura della propria persona per chiunque chieda aiuto. Non c’è età o religione o cultura che muovano a generosità e altruismo: sono fondamentali l’esempio e la partecipazione. I frati cappuccini ci hanno invitato a pranzo: 30 minuti in loro compagnia mi hanno arricchito a tal punto che non riesco ancora a smettere di sorridere e di gioire pensando a quel momento così speciale. I passanti che si sono avvicinati ci hanno dimostrato interesse, molti hanno contribuito con un’offerta, non tutti hanno ritirato la pagnotta (qualcuno per motivi legati al tipo di alimentazione personale, molti per lasciarla a disposizione dei più bisognosi e dare quindi ulteriore dimostrazione di generosità) ma senz’altro tutti hanno apprezzato l’idea e la simbologia che anima Il Pane di OSF. Non posso che riconfermare la mia stima per i frati di via Piave a Milano, il loro staff e tutti i miei colleghi volontari che supportano con amore e competenza questa iniziativa”.

Anche Francesco, volontario di OSF da anni, ha partecipato al Pane di OSF, ecco cosa ci racconta. “’Con la sua offerta per questo pane, può garantire un pasto completo a un utente dei nostri servizi’, sono queste le parole che riassumono il senso ultimo dell'iniziativa Il Pane di OSF che da ben otto anni mi vede coinvolto nelle piazze di Milano. Parole ripetute centinaia di volte ma che ogni volta acquistano tonalità diverse a seconda della persona con cui interagiamo. Sono veramente disparate le reazioni: cogliamo indifferenza, perplessità, curiosità, interesse, ammirazione, coinvolgimento, stupore; verifichiamo sempre anche quanto OSF sia conosciuta e apprezzata. La cura che ciascuna squadra pone nell'allestire il gazebo è finalizzata a presentare al meglio i servizi di OSF; condividere un'esperienza del genere fa interagire più in profondità coi compagni di squadra per progettare insieme la strategia più efficace per vendere il prodotto (e garantire migliore raccolta fondi!), obiettivo a cui ciascuno tende, il più delle volte con entusiasmo e con un pizzico di creatività. Il segno di gratitudine, inaspettato, arriva sempre, e noi abbiamo assistito anche a un piccolo miracolo: uno degli utenti della mensa di OSF si è avvicinato al gazebo con un euro, dicendoci che era tutto quello che poteva dare ma che lo voleva dare, in cambio di tutto quello che noi di OSF stavamo facendo per lui”.

Condividi su: Condividi con Facebook Condividi con Twitter

 

Notizia presente
nella newsletter
Maggio 2016