menu
Opera San Francesco per i Poveri
Opera San Francesco per i Poveri
Home / Comunicazione / News / Un Natale diverso, un Natale alla mensa di OSF

Dicembre 2016

UN NATALE DIVERSO, UN NATALE ALLA MENSA DI OSF

Il Natale è una festa da passare in famiglia. Se la famiglia ce l’hai. In Opera San Francesco, molte delle persone che chiedono aiuto sono sole. E lo sono ancor di più durante il Natale. Per molti la solitudine diviene quasi una condizione sopportabile, una consuetudine a cui ci si abitua, ma il 25 dicembre è più difficile, per tutti.

Trovare conforto, soprattutto quel giorno è una necessità, più del cibo. Qualcuno che ti sorrida, che ti faccia gli auguri, che ti ascolti. La mensa di OSF è aperta anche il giorno di Natale e servirà un pranzo speciale ai suoi utenti, anche grazie al supporto dei suoi volontari. Persone che proprio in questo giorno di festa hanno deciso di dedicarsi completamente agli altri, di rinunciare ai propri affetti per stare vicino a chi ha più bisogno.

Annamaria è una di questi volontari
. Da 3 anni e mezzo lavora alla mensa di Opera San Francesco, il suo turno è il giovedì a pranzo. Prende il treno e arriva a Milano, pronta per servire i pasti agli utenti. Ha fatto domanda per entrare in OSF insieme alla figlia Tiziana e ora condivide con altri “colleghi” volontari l’esperienza della mensa.

“Siamo tutti molto affiatati e sono molto contenta di trascorrere un po’ del mio tempo qui. Certo è faticoso: stare in piedi 3 o 4 ore. Quando arrivo a casa sono stanca, ma felice”.

Per il terzo anno, anche questo Natale, Annamaria sarà in servizio per il pranzo del 25 dicembre. Ma non sarà sola: con lei la sua famiglia, suo marito Domenico e sua figlia Tiziana. Tutti insieme hanno deciso di trascorrere questa giornata di festa non a casa tra parenti e amici ma insieme agli utenti di OSF.

“Se penso che queste persone non sanno dove andare nemmeno il giorno di Natale, è molto triste. Ma quando siamo lì tutti insieme il pensiero va altrove. Almeno per un po’ si dimenticano. Dai qualcosa ma ricevi molto in cambio. Di più”.

Un modo diverso per trascorrere questa festa, ma forse quello che rispecchia meglio di tutti il vero significato del Natale: fare del bene agli altri per farne a se stessi.
Tutti possiamo farlo.
“Occorre un po’ di tempo, disponibilità e umanità – dice Annamaria – lo dico sempre anche alle mie amiche: fare volontariato è una bella cosa che dà soddisfazione”.

Annamaria, volontaria di OSF a Natale in mensa

Condividi su: Condividi con Facebook Condividi con Twitter

 

Notizia presente
nella newsletter
Dicembre 2016