menu
Opera San Francesco per i Poveri
Opera San Francesco per i Poveri
Home / Comunicazione / News / Lorenzo, volontario al Pane di OSF

Aprile 2017

LORENZO, VOLONTARIO AL PANE DI OSF

Lorenzo è un volontario di OSF da poco più di un anno. Dopo aver partecipato alla scorsa edizione de Il Pane di OSF ha deciso di ripetere questa esperienza. Ha 28 anni, è laureato in ingegneria nucleare e ora è impegnato in un dottorato, presto dovrà affrontare il mondo del lavoro. Nonostante i suoi impegni ogni giovedì sera presta servizio in mensa, dalle 18 alle 21 circa “…è pesante dopo l’ufficio dedicarsi al volontariato, ma lo faccio con piacere, mi sembra giusto”.

Lorenzo ha davanti a sé la realtà di Opera San Francesco tutti i giorni, abita lì accanto da sempre: “Conoscevo a grandi linee i numeri dei servizi e sapevo che c’era bisogno di volontari. Nel novembre 2015 mi sono candidato e durante il colloquio conoscitivo ho fatto presente a Padre Giansandro che non ero credente. Ma non è stato un problema perché condividiamo comunque molti ideali. Così dal febbraio 2016 sono un volontario di OSF”.

Nel 2016 per Il Pane di OSF si è occupato dell’inscatolamento e del rifornimento delle pagnottelle ai gazebo delle piazze di Milano, si è quindi relazionato solo con i volontari mentre quest’anno sarà il referente della postazione di Piazza Oberdan e avrà modo di avere un contatto diretto con il pubblico e informarli delle attività di Opera.

È una buona iniziativa per farci conoscere e io ne ho parlato anche ai miei colleghi. Prestare servizio in OSF mi ha fatto riflettere su come a volte il destino di una persona dipenda molto dalla fortuna, da dove si nasce. Finire in strada invece che avere una casa e condurre una vita normale spesso è casuale. Io sento di dover ribilanciare in qualche modo la situazione con il mio aiuto a OSF”.

Questa l’esperienza di un giovane come Lorenzo. Partecipa anche tu al Pane di OSF!
Abbiamo bisogno di te!

Partecipa anche tu al Pane di OSF!

Condividi su: Condividi con Facebook Condividi con Twitter

 

Notizia presente
nella newsletter
Aprile 2017