menu
Opera San Francesco per i Poveri
Opera San Francesco per i Poveri
Home / Comunicazione / News / È Ferragosto proprio per tutti?

Agosto 2017

È FERRAGOSTO PROPRIO PER TUTTI?

In Opera San Francesco non esistono stagioni: siamo sempre aperti - tranne la domenica - e garantiamo i servizi primari di cui i poveri della città hanno bisogno. In estate, soprattutto nel mese di agosto, gli orari di alcuni servizi vengono modificati leggermente. Questo perché tutto ciò che offriamo ai poveri è possibile anche grazie all’apporto di più di 800 volontari che, in luglio e agosto, sono in parte in vacanza. Ciò non impedisce però di continuare a servire i pasti a pranzo e a cena, di permettere agli utenti di lavarsi e curarsi.

Piccole modifiche di orario nell’ambito comunque di una presenza costante che è, per chi si trova in una situazione di disagio, un punto fermo di riferimento. È normale quindi che anche a Ferragosto, quando la maggior parte della popolazione è in vacanza e lontana dalla città, Opera San Francesco non abbandoni i suoi utenti ma anzi li accolga con un rinnovato senso di solidarietà. È proprio nei giorni di festa, dedicati alla famiglia e agli amici, che chi è solo soffre di più, e sente con maggior insistenza il peso della propria situazione. Ogni piccolo semplice gesto, così, può contribuire ad alleviare una condizione di disagio.

OSF dunque per il 15 di agosto ha previsto il menù festivo “classico”, già offerto in passato ai nostri utenti: ravioloni ricotta e spinaci con burro e salvia, fettine di pollo al limone con patate novelle, un frutto e un dolce. E a servirlo, coadiuvando il personale della Mensa e i volontari, saranno i giovani che aderiscono alla Pastorale Giovanile e Vocazionale dei Frati Cappuccini che, come da tradizione, nelle settimane centrali di agosto parteciperanno ad alcuni momenti di vita comunitaria con i frati.
Insieme ai volontari, che si sono resi disponibili anche nel periodo estivo, questi giovani volenterosi permetteranno al servizio di continuare a essere efficiente. Perché l’estate non è per tutti un momento di vacanza e spensieratezza ma anche di bisogno che si acuisce.

Lo sa bene Rosaria che il prossimo 8 ottobre festeggia 30 anni di volontariato in OSF - quasi tutti passati in Mensa - e quest’anno a ferragosto sarà una delle persone a servire la cena agli utenti.
Quando ha cominciato Rosaria andava ai Mercati generali a comprare le cassette di frutta e verdura per la preparazione dei pasti: allora si serviva solo il pranzo e c’erano 128 posti a sedere. “A quei tempi si lavavano tutti i piatti a mano, non era tutto di plastica come adesso!”, ci racconta. Poi sono stati organizzati due turni e ora la Mensa è come la conosciamo.
“Non mi pesa essere qui a Ferragosto - dice Rosaria - quello per OSF è uno spazio che non mi può togliere nessuno. Io e mia sorella (anche lei volontaria), ci troviamo benissimo e non avrei dubbi a consigliare a un possibile benefattore di aiutare Opera San Francesco: i risultati si vedono e c’è la massima trasparenza. Tutti i bisogni primari vengono soddisfatti. Certo, se si potesse, io farei anche un servizio di parrucchiere in OSF: farsi barba e capelli fa sentire bene. Mi si stringe il cuore quando vedo che i poveri si tagliano i capelli nei giardini o fanno la barba nelle fontane. Anche per le donne andare dal parrucchiere sarebbe un modo per sentirsi a posto”.

Condividi su: Condividi con Facebook Condividi con Twitter

 

Notizia presente
nella newsletter
Agosto 2017