menu
Opera San Francesco per i Poveri
Opera San Francesco per i Poveri
Home / Comunicazione / News / Chi ci sostiene: le aziende amiche di OSF

Dicembre 2017

CHI CI SOSTIENE: LE AZIENDE AMICHE DI OSF

Natale è anche un buon momento per dire grazie a chi ci permette quotidianamente di garantire i servizi necessari ai nostri utenti. Molti i benefattori privati ma anche le aziende che hanno sposato e quindi sostengono i nostri progetti e il nostro operato.

Quest’anno per esempio il pranzo dedicato agli utenti del 16 dicembre sarà offerto dall’azienda Vivà che si è legata a noi per una devozione profonda della mamma del proprietario. Giorgio Cheodarci ci ha incontrati infatti grazie ai racconti della propria madre, devota di Fra Cecilio e ha voluto conoscere ciò che facciamo per i poveri e, dopo averlo visto concretamente, ha deciso di aiutarci mettendo a disposizione la propria professionalità e offrendo un ottimo pranzo per i nostri utenti per questi giorni di festa. Un gesto di profonda generosità che ha un significato ancor più grande perché costituisce un’attenzione in più per chi soffre nei giorni che dovrebbero essere di festa, mentre spesso sono i più difficili.

Un’altra azienda che da anni ha una attenzione particolare verso Opera San Francesco per i Poveri è Artsana Group. Ogni Dicembre infatti, dal 2015, pensando ai regali natalizi, non dimentica una donazione a OSF a sostegno delle attività della Mensa di Corso Concordia a Milano. L’azienda sceglie per i propri dipendenti, clienti e fornitori in Italia e all’estero un Panettone “solidale” con il quale augura buone feste, ma al contempo comunica l’impegno dell’azienda nei confronti delle persone che vivono in povertà e hanno bisogno di un pasto caldo tutti i giorni. Un supporto importante che si unisce a quelli di altre realtà, dando vita a quella grande catena di solidarietà che ci permette di dare sostegno ai poveri ogni giorno.

Il Gruppo Bracco invece, che da anni è accanto a OSF, quest’inverno ha deciso di tendere la mano e aiutare concretamente chi vive senza fissa dimora e in situazione di grave emarginazione attraverso “Il calore dell’Accoglienza”: un’attività di responsabilità sociale per sostenere più di 450 ospiti di OSF con abbigliamento e materiale per far fronte all’emergenza freddo. Fornire sacchi a pelo, calde coperte e calzamaglie di lana è un gesto semplice che va incontro concretamente ai bisogni di chi dorme per strada e per cui il freddo è il più grande nemico. Un aiuto quello dell’azienda che dimostra la grande attenzione per il sociale e per le reali necessità di chi soffre e per il quale ringraziamo di cuore Bracco.

Un altro tipo di supporto ci hanno invece dato i giovani del Collegio Ludovicianum di Milano: la collaborazione con Opera San Francesco per i Poveri è nata su proposta degli stessi collegiali tre anni fa. Avviata originariamente con l’ideazione di una giornata di raccolta di indumenti per i più bisognosi, organizzata presso i locali del Collegio, oggi il contributo prestato dal Ludovicianum si è arricchito anche del servizio settimanale alla mensa di OSF. Ogni sabato infatti, durante il periodo delle lezioni accademiche, alcuni studenti si recano presso la struttura in Corso Concordia e aiutano i volontari e il personale di OSF nell’erogazione dei pasti del pranzo ai loro utenti. La raccolta di indumenti continua a rappresentare un appuntamento annuale altrettanto avvertito e partecipato dalla comunità studentesca: quella di quest’anno, svoltasi sabato 25 novembre, a pochi giorni dalla Giornata Mondiale per i Poveri indetta da Papa Francesco, ha visto coinvolti numerosi giovani, che si sono fatti promotori dell’iniziativa presso gli altri collegi dell’Università Cattolica e presso la comunità locale, conferendo complessivamente alcune centinaia di capi di abbigliamento per gli utenti di OSF. Un grazie di cuore quindi a questi giovani che si impegnano in prima persona per la solidarietà e per Opera in particolare, dimostrando quanta attenzione ci sia da parte degli studenti verso il mondo del volontariato.

Condividi su: Condividi con Facebook Condividi con Twitter

 

Notizia presente
nella newsletter
Dicembre 2017