menu
Opera San Francesco per i Poveri
Opera San Francesco per i Poveri
Home / Comunicazione / News / I risultati del convegno "Ferite Invisibili"

Aprile 2011

I RISULTATI DEL CONVEGNO "FERITE INVISIBILI"

Il Convegno è stato aperto dai saluti di Padre Annoni a tutti i partecipanti (circa 80 persone), il quale ha illustrato lo sviluppo negli ultimi 10 anni del poliambulatorio.

La dottoressa Caizzi e il dottor Aragona hanno presentato il progetto Ferite Invisibili della Caritas Romana: la dottoressa Caizzi ha mostrato come si interviene con le persone vittime di violenza intenzionale, mentre il dottor Aragona ha presentato i risultati delle ricerche scientifiche (tra cui una prodotta in collaborazione con il servizio di Psicologia e Psichiatria di OSF) che illustrano le corrispondenze tra disturbi d'ansia e depressivi con il disturbo post traumatico da stress.

Successivamente la dottoressa Ranci e la dottoressa Ligabue della Cooperativa Terrenuove di Milano hanno presentato il lavoro svolto in collaborazione con lo staff del nostro poliambulatorio: come riconoscere e relazionarsi con le persone vittima di violenza intenzionale e portatrici di disturbo post traumatico da stress.

La prima sessione della mattina si è conclusa con i saluti dell'Assessore Moioli del Comune di Milano.

La seconda sessione è stata dedicata agli operatori del servizio di Psicologia e Psichiatria di OSF: la dottoressa Rovetta ha presentato le motivazioni che ci hanno portato a costruire il servizio di Psicologia e Psichiatria (in cui collaborano molti professionisti con formazioni e specializzazioni anche molto differenti tra loro) e ha illustrato sia i dati di attività di tutto il servizio che quelli più specifici relativi al progetto Ferite Invisibili.
La dottoressa Bruni ha presentato nei dettagli il nostro modello di intervento: le procedure, l'equipe, l'intervento clinico in sé (come vengono condotti i colloqui, analisi della situazione dell'utente, presa in carico, costruzione di una rete di supporto intorno al paziente). Successivamente la dottoressa Spoto ha presentato alcune interessanti riflessioni sul passaggio dal "curare" al "prendersi cura".
Ha chiuso l'intervento dell'equipe di Psicologia e Psichiatria il dottor Metelli, che ha condotto una discussione su come e perché avviene il dropout (quando un paziente abbandona la psicoterapia senza alcuna spiegazione).

La mattinata si è chiusa con una tavola rotonda coordinata dal dottor Bettinelli (Caritas Ambrosiana) a cui hanno partecipato il dottor Pedroni (Segnavia-Padri Somaschi), il dottor Leoni (Comunità S. Egidio) e la dottoressa Ranci (Terrenuove): ognuno dei partecipanti ha presentato il proprio servizio.

Nel pomeriggio è stato aperto un dibattito con il pubblico che ha avuto così la possibilità di porre domande: i relatori (dottoressa Villa suor Annamaria, dottoressa Erica Rovetta e dottor Metelli di OSF, dottor Aragona e dottoressa Ligabue) hanno risposto attraverso esperienze professionali e casi clinici esemplificativi.

 

Notizia presente
nella newsletter
Aprile 2011