menu
Opera San Francesco per i Poveri
Opera San Francesco per i Poveri
Home / Comunicazione / News / Lettera di padre Maurizio

Maggio 2017

LETTERA DI PADRE MAURIZIO

Tra le notizie di questa newsletter diamo risalto all’evento che permetterà a Opera San Francesco di presentare il Bilancio sociale 2016.
Il Bilancio Sociale è un’occasione per far conoscere innanzitutto agli interlocutori di OSF (stakeholder) quanto sia stato possibile realizzare grazie alla collaborazione e all’impegno di coloro che, a vario titolo, si riconoscono nell’unica mission di Opera San Francesco.
Uno sguardo attento e approfondito all’anno trascorso ci permette di cogliere la complessità di un’organizzazione che ha come obiettivo, da oltre cinquant’anni, di porsi al servizio dei poveri e degli ultimi.
La dimensione dell’accoglienza di OSF è certamente definita da numeri, statistiche, analisi. Sono dati immediati che parlano di povertà, di persone svantaggiate che chiedono di essere accompagnate nel rispetto di una dignità che nessuna miseria o indigenza possono spegnere.
Vale l’equazione dati uguale a servizi offerti a una persona, non a un bisognoso. Troppo spesso ci si dimentica che chi cerca aiuto, non è solo una somma di bisogni da esaudire, ma è una persona con la sua storia, a volte drammatica e complessa, con il suo disagio anche profondo, con la sua speranza, con la sua dignità e la sua volontà di uscire dall’emarginazione.

Nell’edizione 2016 del Bilancio Sociale quindi abbiamo voluto ridare una fotografia delle persone che frequentano OSF: chi sono, da dove vengono, che età hanno e ancora, quanti sono e come utilizzano i nostri servizi.
Abbiamo voluto anche dare risalto alle storie che li accompagnano. Non potevamo rappresentarle tutte, sarebbero troppe, ne abbiamo scelte alcune avvicinando uomini e donne, italiani e stranieri per comprendere non solo le cause della loro situazione, ma anche la loro speranza per una vita diversa e migliore.
E in più abbiamo chiesto loro di valutare il nostro operato con un questionario per comprendere se il nostro impegno nei loro confronti procede nella giusta direzione, se il costante lavoro dei nostri volontari e dipendenti produce un anche minimo sollievo in situazioni di emarginazione e disagio sociale più o meno importanti.
Stare in contatto con chi aiutiamo è la chiave della buona riuscita della nostra missione, perché come dice Papa Francesco “...la povertà in astratto non ci interpella, ma ci fa pensare, ci fa lamentare; ma quando vediamo la povertà nella carne di un uomo, di una donna, di un bambino, questo ci interpella.” E ci fa muovere nella direzione dell’aiuto concreto, un aiuto organizzato e strutturato che consente di raggiungere il più alto numero di persone, di conoscere il più grande numero di storie.

Numeri e storie che vi invitiamo ad ascoltare nel corso della Presentazione del nostro Bilancio Sociale 2016, martedì 13 giugno 2017 ore 11 presso Auditorium OSF via Kramer 5 Milano.

Vi aspetto

padre Maurizio Annoni

Condividi su: Condividi con Facebook Condividi con Twitter

 

Notizia presente
nella newsletter
Maggio 2017