menu
Opera San Francesco per i Poveri
Opera San Francesco per i Poveri
Home / Comunicazione / News / I frati francescani insieme per superare la crisi economica

Giugno 2012

I FRATI FRANCESCANI INSIEME PER SUPERARE LA CRISI ECONOMICA

"Un contributo francescano al superamento dell'attuale crisi economica" è il tema del convegno che si è tenuto il 18 giugno nel Salone Papale del Sacro Convento di Assisi, alla presenza del Ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera e dei rappresentanti delle famiglie francescane.

Per il Ministro Passera, decennale amico dei francescani di Assisi, "Le ragioni profonde della crisi sono un problema di valori. Si è pensato prima, di interpretare ogni fenomeno sociale in chiave economica. Con la caduta di tutte le ideologie, si è adottata quella del mercato: ma il mercato è uno strumento, non l'unica regola che manda avanti la società". Passera ha parlato del lavoro, che è la priorità in tutta Europa e ha delimitato i confini di un'altra 'religione', quella della crescita. "Quando un pezzo di Europa non raggiunge i risultati stabiliti quella nazione va forzata, ma anche accompagnata".

I rappresentanti delle famiglie francescane hanno messo a confronto i valori del francescanesimo con le attuali strategie di governo, richiamando la necessità di operare scelte orientate al bene comune, evitando una crescita delle disuguaglianze sociali.

Padre Maurizio Annoni ha testimoniato la precarietà e povertà che si vive a Milano e ha ricordato che Francesco non contesta né critica la società del suo tempo, né la Chiesa. Insegna con la sua parola e la sua vita ad accogliere le diversità, ad amare tutte le creature, a essere operatore di giustizia, perdono, pace, a essere misericordioso soprattutto nei confronti di chi è povero e a portare a compimento una missione con responsabilità e giustizia.

Attraverso il principio di solidarietà e di sussidiarietà, si può agire a favore di chi è particolarmente colpito dalla crisi economica, attraverso strutture organizzate professionalmente. Tra queste si evidenziano i centri di accoglienza, la cui forza è rappresentata da una straordinarietà che si costruisce nell'ordinarietà del servizio e nella reiterazione dell'ascolto e dell'aiuto.

Al convegno sono intervenuti esponenti del mondo politico, imprenditoriale e istituzionale. Tra i tanti, il Presidente della Regione Umbria, On. Catiuscia Marini, il Presidente dell'Agenzia per il Terzo Settore, Prof. Stefano Zamagni, il filosofo, Prof. Dario Antiseri, e il Vescovo di Assisi - Nocera Umbra - Gualdo Tadino, Mons. Domenico Sorrentino. Hanno fatto gli onori di casa il custode del Sacro Convento, Fra Giuseppe Piemontese, e Fra Enzo Fortunato.

 

Notizia presente
nella newsletter
Giugno 2012