menu
Opera San Francesco per i Poveri
Opera San Francesco per i Poveri
Home / Comunicazione / News / Pasti a domicilio col Pony della solidarietà

Settembre 2013

PASTI A DOMICILIO COL PONY DELLA SOLIDARIETÀ

Ventun volontari per il Pony della solidarietà: una squadra numerosa, quest’anno, è quella che si è presentata alla porta di Opera San Francesco per offrire aiuto durante il mese d’agosto agli anziani rimasti a casa soli, senza la compagnia o l’assistenza di parenti o vicini. Quando la città si svuota, le saracinesche dei negozi rimangono abbassate e la temperatura non concede tregua, questi piccoli equipaggi di volontari girano senza sosta per consegnare tra le ore 11 e le 14 pasti completi a domicilio, e insieme al cibo, portare a chi non può muoversi da casa anche il conforto di una visita e un po’ di attenzione.

Dal 30 luglio al 1 di settembre sono stati 18 gli anziani assistiti da OSF (+13%) per un totale di 328 pasti consegnati, in accordo col Comune di Milano che ogni mattina stila la lista delle persone censite dall'anagrafe della fragilità per il Piano anticaldo. Ed ecco che la squadra si mette al lavoro: deve comunicare alla mensa il numero e il tipo di pasti necessari, poi studiare l’itinerario sulla cartina, ritirare quanto viene preparato nella cucina di Opera San Francesco, cioè le buste con frutta e acqua e i contenitori termici col pasto, chiuso nelle valigette blu che verranno consegnate a domicilio e poi ritirate il giorno successivo. Tutto è pronto, si parte: sull’elenco oggi c’è Santa, più di ottant’anni, poi Elisa, 87 anni, Mario di 98… tra consegna della valigetta con pranzo e cena e ritiro di quella del giorno prima c’è giusto il tempo per essere accolti in casa e fare due chiacchiere. Ma senza dimenticare gli altri che aspettano il turno; un sorriso, e con l’arrivederci al giorno dopo, si riaffronta la canicola: l’ora di pranzo è la stessa per tutti!

Condividi su: Condividi con Facebook Condividi con Twitter

 

Notizia presente
nella newsletter
Settembre 2013